NEWSLETTER

Il prossimo evento:

  • 00 GIORNI
  • 00 ORE
  • 00 MIN
  • 00 SEC
+

Progetto tARTini: inaugurato il percorso museale

Categories: Comunicati,NEWS,tARTini

Giornata importante a Pirano!

Stamattina, alla presenza un vasto pubblico di esperti di diversi settori, nonché di personalità del mondo politico, economico e delle istituzioni comunali, è stata inaugurato il percorso museale in Casa Tartini e presentati i risultati del progetto a cui la nostra Comunità ha partecipato come partner.

Iniziato nell’ottobre 2017, ha visto la Comunità impegnata in diverse attività: dagli eventi di promozione del progetto, ai riadattamenti interni dell’edificio, ai laboratori dedicati ai bambini e ai concerti. Gli sforzi comuni di questi due anni, hanno portato alla realizzazione di un percorso museale nelle belle sale affrescate e a una loro maggiore valorizzazione. E che darà sicuramente la giusta collocazione a Giuseppe Tartini, uno dei musicisti più importanti del Settecento, e non abbiamo paura a pensarlo e a dirlo, anche della storia della musica.

Come ha ribadito la Presidente della Comunità degli Italiani, Manuela Rojec, forse la sfida maggiore è stata quella di continuare a portare avanti le attività della Comunità nonostante i lavori in corso.

È un immenso piacere potervi parlare del progetto e raccontarvi i cambiamenti che sono il risultato di un percorso che dura da tre anni ormai e che in realtà sta appena iniziando. Chi ha frequentato Casa Tartini anche durante questo periodo sa che la sfida più grande è stata continuare con le attività anche durante i lavori di ristrutturazione che in questo palazzo si vedono soprattutto sui muri esterni della facciata e nascosti e celati dall’intonaco.

Al progetto hanno partecipato partner che hanno dedicato gli ultimi due anni alla ricerca, alla catalogazione, alla digitalizzazione del patrimonio Tartiniano. Vi hanno partecipato altri partner che si sono impegnati per fare di Pirano e del Maestro delle nazioni un luogo d’incontro della musica e della cultura. Vi ha partecipato il Comune, consapevole del grande tesoro che la nostra cittadina nasconde, ma in questo percorso sono state incluse centinaia di persone che hanno contribuito a far si che il nostro obiettivo venga raggiunto. Ringraziare tutti sarebbe impossibile, perché dovremmo partire da chi ha permesso la prima ristrutturazione della Casa nel ormai lontano 1987 ( il MAE, l’UI e l’UPT, l’Istituto per la tutela dei beni culturali) e finire nel futuro, perché per noi questo è solo l’inizio di un percorso che va sviluppato.

Casa Tartini è sempre stata un punto d’incontro per tutti coloro che amano l’italiano, la cultura e la musica. Oggi è pronta ad accogliere anche quelle persone che Pirano e le sue piccole meraviglie devono ancora scoprirle. E noi siamo pronti ad aprire le nostre porte, le porte del nostro partimonio, della nostra cultura. Il passato ci ha permesso di aprirci al futuro e se ognono di voi racconterà ad una persona soltanto la nostra disponibilità siamo certi che il futuro sarà splendido.

Rimangono da sistemare ancora delle cose per rendere la visita a Casa Tartini un’esperienza da ricordare e lasciare a tutti la voglia di scoprire cose nuove sulla figura di Tartini e sulla sua famiglia, nonché sulla casa e sulla stessa città che gli ha dato i natali.

La sistemazione del percorso museale rientrava nelle attività progettuali del Comune di Pirano, lead partner del progetto “tARTini: turismo culturale all’insegna di Giuseppe Tartini”, cofinanziato dal programma Interreg Italia-Slovenia V A 2014-2020. La partnership progettuale ha il Comune di Pirano quale capofila e vede la collaborazione di vari enti italiani e sloveni: la Comunità degli Italiani di Pirano, il Festival di Lubiana, il Conservatorio “Giuseppe Tartini” di Trieste, l’Università degli Studi di Padova e il Segretariato dell’InCE. Obiettivo del progetto è la valorizzazione dell’eredità culturale del grande violinista e compositore piranese Giuseppe Tartini nell’area di confine ed oltre.

Rezultat skupnih naporov teh dveh let je  muzejska pot po čudovitih dvoranah s freskami, s katero bodo obiskovalci spoznali njihovo dragocenost. Z novo pridobitvijo bo zasluženo mesto gotovo dobil tudi Giuseppe Tartini, eden najpomembnejših glasbenikov v osemnajstem stoletju in, drznemo si misliti in reči, tudi zgodovini glasbe. 

Kot je izpostavila predsednica Skupnosti Italijanov, Manuela Rojec, je bil morda največji izziv nadaljevati z vsemi aktivnostmi skupnosti kljub poteku del.

Tartinijeva hiša je, kot omenjeno, sedež in kulturno stičišče pripadnikov italijanske narodne skupnosti, ki je tudi lastnik stavbe. V celotnem obdobju prenove je kot taka tudi delovala in to je bil naš največji izziv od vsega začetka: odpreti hišo s svojimi poslikanimi dvoranami tudi širši javnosti in obiskovalcem, ki jih zanimata kulturna dediščina in Tartinijeva zapuščina, kljub temu pa ohraniti kot kulturno, glasbeno in družabno središče narodnosti. V toku prenove je bila prenovljena zunanjost in pripravljena infrastruktura, ki je omogočila vzpostavitev muzejske poti oz. sprehoda skozi hišo. Seveda je to le začetek nekega novega obdobja, v katerem se bomo potrudili vsebine nadgraditi in osvežiti ter hišo napolniti z glasbeniki in umetniki, ki ji bodo dali še dodatno vrednost.

Zahvala gre seveda vsem, ki so pri projektu sodelovali, predvsem tistim, ki so vanj verjeli in ga prilagodili našim potrebam ohraniti hišo kot sedež društva, ohraniti njeno vsebino in jo hkrati odpreti za ogled. Nekatere sobe so se tako spremenile v informativne, druge so se oplemenitile z razsvetljavo, Tartinijeva violina je dobila svoj prostor, pisarne so se spremenile v dvorane, ki bodo namenjeni razstavam ali drugačnim oblikam kulturnega življenja. Partnerji, ki so v projektu sodelovali, so zadnji dve leti namenili raziskavam, popisom, digitalizaciji, promociji dediščine, ki je značilna za Piran in ki je ponos za njegove prebivalce. V veliko veselje nam je, da smo v teh letih lahko sodelovali s strokovnjaki, ki so nam s svojimi izkušnjami pomagali ovrednotiti bogastvo, s katerim upravljamo in če bo vsak izmed vas širil glas naših dosežkov in bosta Piran in Tartinijeva hiša postala destinacija za glasbenike, kulturne delavce, umetnike ali pa samo obiskovalce, ki si želijo poleg sonca in morja ogledati naše male bisere, bo naš cilj dosežen.

Ta še niso končana, kar nekaj je še treba postoriti, da bo obisk Tartinijeve hiše nepozabno doživetje, ki bo prebudilo željo po odkrivanju novih spoznanj o Tartinijevi osebnosti in njegovi družini, pa tudi o hiši in mestu, kjer se je rodil. 

Oblikovanje muzejske poti je bil del projektnih aktivnosti Občine Piran, vodilnega partnerja projekta “tARTini: kulturni turizem v znamenju Giuseppeja Tartinija”, sofinanciranim iz programa  Interreg Italia-Slovenia V A 2014-2020. 

V projektnem partnerstvu pod vodstvom Občine Piran sodelujejo tudi različne italijanske in slovenske ustanove: Skupnost Italijanov Piran, Festival Ljubljana, Konservatorij  “Giuseppe Tartini” iz Trsta, Univerza v Padovi in Sekretariat CEI (Central European Initiative).  

Cilj projekta je ovrednotenje kulturne dediščine velikega piranskega violinista in skladatelja Giuseppeja Tartinija na obmejnem območju in širše.

L’ingresso di Casa Tartini
Manuela Rojec, Presidente della Comunità degli Italiani e Vicesindaco del Comune di Pirano
Il Console Generale d’Italia a Capodistria, Giuseppe D’Agosto
Il violino di Tartini esposto in Sala dei fiori
Il Quartetto d’archi Tartini che ha allietato il pubblico con le sonate di Giuseppe Tartini